Fotogalleria dell'esposizione: "Nie Na marne. Sienkiewicz w kolekcji Ossolineum"

L’esposizione “Nie Na marne. Sienkiewicz w kolekcji Ossolineum”, “Non Invano. Sienkiewicz nelle collezioni dell’Ossolineum”, è pensata per commemorare il 170esimo anniversario della nascita e il centenario della morte dello scrittore nonché il 120esimo anniversario della stesura del romanzo Quo vadis. Ad organizzarla è stato l’Istituto Nazionale Ossoliński (Ossolineum), ovvero l’istituzione che vanta la più ricca raccolta degli autografi dello scrittore, inaugurata nel lontano 1912.

Curatore della mostra è dott. Grzegorz Polak

L’obiettivo principale della mostra è quello di presentare vari aspetti di popolarità, sia nel Paese di origine che all’estero, dell’autore Premio Nobel la cui produzione letteraria che secondo molti che ne hanno scritto era nota “in ogni longituidine e latitudine geografica”. Nella parte introduttiva dell’esposizione sono stati presentati i legami di Sienkiewicz con l’Ossolineum e con Leopoli. La parte centrale della mostra è dedicata ai romanzi Col ferro e col fuoco, Il diluvio, Il signor Wołodyjowski e a Quo vadis. Nella parte finale si possono ammirare interessanti edizioni di altre opere letterarie dello scrittore.

Attrattive della mostra

Ad ornare l’esposizione in modo particolare sono gli autografi della Trilogia (Col ferro e col fuoco, Il diluvio, Il signor Wołodyjowski) e del romanzo dai tempi di Nerone.  La parte più cospicua in esposizione costituiscono le edizioni a stampa (tra le quali anche le editiones principes) polacche e straniere. Sienkiewicz inoltre viene presentato nelle versioni per i più piccoli, nelle riduzioni e nei negli adattamenti per la gioventù (anche ad uso scolastico), ma anche nelle versioni teatrali. Viene presentato nella mostra anche il programma di sala dell’adattamento cinematografico del romanzo del 1912 (“Quo vadis”), dell’opera lirica e dell’oratorio dai titoli omonimi. A completare il percorso espositivo sono le medaglie conferite allo scrittore (tra le quali spiccano quelle di cui l’autore fu insignito all’occasione di conferimento della cittadinanza onoraria della città di Leopoli), monete, una banconota con l’effigie di Sienkiewicz (la prima banconota della III Rzeczpospolita), fotografie, la rivista “Wieniec”, manifesti dei film e cartoline con le scene del romanzo. La mostra dà inoltre l’opportunità di conoscere vari aneddoti che illustrano la fama dello scrittore Henryk Sienkiewicz.

Vi invitiamo a guardare il fotoracconto della mostra.

L’esposizione è aperta dall’11 maggio al 29 ottobre 2016.

Istituto Nazionale Ossoliński (Ossolineum), via Szewska 37, 50-139 Wrocław (Breslavia)

 

 

< >
<
>